logo

MARCO RAUGEI

Marco Raugei è uno degli artisti-pazienti del laboratorio fiorentino.

Nasce a Firenze nel 1958 da una famiglia operaia ed è il primo di quattro figli. A un anno e mezzo viene già ricoverato nel reparto pediatrico dell’ospedale psichiatrico di Firenze. Fino a 19 anni frequenta diversi istituti medico-pedagogici. Dopo alcuni ricoveri inizia a frequentare la Tinaia dove all’inizio ha difficoltà nel concentrarsi sul lavoro: misura a grandi passi il laboratorio, parla incessantemente sottovoce come se recitasse diverse voci di un dialogo.

Col tempo scopre il suo stile: con pennarello fine riempie il foglio con un soggetto che ripete all’infinito fino ad esaurimento dello spazio. Mancino, inizia tutti i suoi disegni partendo dal margine in basso a destra per finire in alto a sinistra. I suoi temi sono il quotidiano: pacchetti di sigarette, orologi, barattoli di crema, televisioni…

Affascinato dal ritmo e dalle ripetizioni Marco Raugei ammette di aver provato una gioia immensa nell’apprendere che i suoi quadri venivano apprezzati. Nel 2002 per un incidente è costretto ad interrompere l’attività. Muore nel 2006 per aggravamento di un problema cardiaco. Il suo lavoro è presentato dalla Collection de l’art brut di Losanna, nella collezione abcd di Parigi, LAM Musée d’art moderne, contemporain et brut di Lille, MADMusée di Liegi, Musée du Docteur Guislain di Gent, Musée Charlotte Zander. Caratterizza i lavori di Raugei il ripetersi di un unico tema o soggetto figurativo in forme elegantemente stilizzate: oggetti d’uso quotidiano, personaggi o ambienti in miniatura si ripetono con lievi variazioni in sequenze orizzontali.

Colpisce soprattutto l’attenzione che l’artista dedica alle “piccole cose”: secchielli con palette, orologi, scarpe, vasetti cosmetici, barattoli riprodotti uno accanto all’altro sul foglio bianco, con estrema cura. La sensazione che si ha contemplando questi disegni è simile al capogiro, alla vertigine: sembra quasi che gli oggetti raffigurati parlino all’osservatore attraverso un codice cifrato.

01 QUESTI SONO I TAVOLI BELLI
02 QUESTI SONO GLI OROLOGI BELLI
03 QUESTE SONO LE BOTTIGLIE DELL'OLIO
04 QUESTE SONO LE SIGARETTE
05 QUESTI SONO I PUNTALAPIS CON LE MATITE
06 QUESTI SONO I BARATTOLI DI ACQUARAGIA
07_QUESTI-SONO-I-FERRI-DA-STIRO
08 QUESTE SONO LE MACCHINE FOTOGRAFICHE
09 QUESTE SONO LE AGENDE

Leggi Tutto

DANCEABILITY

La Danceability è una tecnica che permette a persone abili e disabili di incontrarsi per danzare insieme, attraverso un percorso di ricerca che sfrutta le abilità fisiche ed espressive individuali.

o scopo è quello di rendere accessibile il linguaggio della danza a tutte le persone interessate, senza preclusioni di età, di esperienza o di condizione fisica e mentale.

http://www.danceability.it/home.html

http://www.danceability.com/

La danza si sviluppa attraverso la tecnica dell’improvvisazione, basata sulla consapevolezza di sé, sulla relazione e la fiducia reciproca, si possono fare nuove esperienze, con le proprie diverse abilità, nel muoversi con gli altri andando oltre i limiti a cui si è abituati.

Si è sviluppata negli Stati Uniti, utilizzando i principi della Contact Improvisation, grazie all’impulso di Alito Alessi, danzatore e coreografo, direttore della Joint Forces Dance Company.

Non è una “terapia”, né una “danzaterapia”, ma un’espressione artistica e creativa vera e propria.

01 Images
02
03 000040
04 Getattachment2
05 Danceability3
06 000001
07 Danceability1
08 Juri Roverato
09 DanceAbility
10 Dis
11 4002473332 Fa986a5fa2
12 Home 1 00

Leggi Tutto

PING LIAN YEAK

Il 15enne Ping Lian è un autistic savant che disegna da quando è bambino. Inizialmente Ping Lian era iperattivo, viveva nel suo mondo, non mostrando affetto o consapevolezza del pericolo, incapace di tenere in mano una matita per scrivere o utilizzare una forbice per tagliare.

Al fine di rafforzare e sviluppare le capacità motorie di Ping Lian, il suo programma venne focalizzato sul disegno e su attività con l’uso del colore. Queste servirono anche per tenere Ping Lian occupato, data la sua incapacità di impegnarsi in modo appropriato in altre azioni come la socializzazione o lo svago.

Guidato attraverso le attività grafiche è cresciuta in lui una grande abilità nell’imitazione. All’età di 8 (metà del 2002), in Ping Lian è cresciuta improvvisamente una sorta di “ossessione” verso il disegno.

La qualità del suo disegno è rapidamente avanzata e il suo tasso di progresso è attualmente affascinante. Ora Ping Lian è un artista di talento circondato da amore ed affetto.

Ping Lian ha ancora una comunicazione limitata e difficoltà nei rapporti sociali.

L’arte è il suo modo di esprimersi. Il suo stile unico di colpi audaci e colori allegri ha conquistato molti appassionati e collezionisti.

http://www.pinglian.com/

01 Plpic
Picture 019
03 04325 Horses Xl  WM Painted In 2012 At The Age Of 10.67172857 Large
04 05421 My Dog III   Ping Lian Yeak   Painted At Age 11
05 Ping Lian Dogs
06 Ying 2009
07 Ping Lian Lunapark
08 Kltowers
09 Sydney
10 Uscapitol

Leggi Tutto

DONALD MITCHELL

I primi lavori di Donald Mitchell erano costituiti da campi di linee che coprivano la pagina e nascondevano ogni traccia di un’immagine sottostante principalmente ossessivamente tratteggiata.

Diversi anni fa, Donald Mitchell ha iniziato a rivelare i volti e le forme che aveva sepolto sulla pagina.

Il lavoro prolifico di Mitchell è ora riempito con figure in movimento e il riposo, e il suo marchio di fabbrica è diventata una ben composta, grafica sofisticata di figure affollate.

Mitchell ha esposto le sue opere nel 2007 alla gallery di Gavin Brown, New York, e ABCD, Parigi.

4DM-_untitled
2012 59785 155703
Beyond Blue
DMitchell 2
DMitchell 3
Donald Mitchell For WEB1
Untitled9621

Leggi Tutto